Dirigente scolastico

Il dirigente scolastico assicura la gestione unitaria dell'istituzione scolastica, quindi ne ha la rappresentanza legale.

Cosa fa

Il Dirigente scolastico è responsabile della gestione delle risorse finanziarie e strumentali e dei risultati del servizio offerto all’utenza.

Compiti del dirigente scolastico:
dirigere e coordinare le risorse umane organizzando le varie attività scolastiche secondo criteri di efficacia ed efficienza;
elaborare il POF, Piano dell’offerta formativa d’Istituto (ora triennale, PTOF), sentito il Collegio dei docenti e il Consiglio d’istituto, nonché i principali attori economici, sociali e culturali del territorio;
individuare, all’inizio di ogni anno scolastico, i docenti da destinare all’organico funzionale della Istituzione scolastica di riferimento;
individuare fino a tre docenti tra quelli di ruolo che lo coadiuvano nell’organizzazione dell’istituzione;
proporre gli incarichi di docenza per la copertura dei posti assegnati all’Istituzione scolastica;
essere responsabile delle scelte didattiche, formative e della valorizzazione delle risorse umane e del merito dei docenti;
garantire che siano individuati percorsi formativi e iniziative per permettere a tutti gli alunni/studenti di raggiungere il successo formativo;
ridurre il numero di alunni e studenti per classe, nell’ambito della dotazione organica assegnata e delle risorse, anche logistiche, disponibili;
individuare le imprese e gli enti pubblici e privati disponibili alla attivazione di percorsi formativi individualizzati;
stipulare apposite convenzioni anche finalizzate a favorire l’orientamento scolastico e universitario dello studente;
valutare il personale docente ed educativo in periodo di formazione e di prova, sulla base di un’istruttoria del docente con funzioni di tutor;
sentito il Consiglio di Istituto, assegnare annualmente la somma per la valorizzazione del merito del personale docente, sulla base della valutazione dell’attività didattica;
ricevere le domande per il riconoscimento dei servizi agli effetti della carriera del personale scolastico.

Organizzazione e contatti

Dipende da

Responsabile

foto_dirigente

Giuseppe Ennas

Dirigente Scolastico

Contatti

Sede

  • indirizzo

    Via Trincea della Frasche, ingresso da Piazza Padre Abbo, Cagliari

  • CAP

    09122

  • Orari

    Apertura al pubblico della segreteria didattica:
    da Lunedì a Venerdì, dalle ore 10:30 alle ore 11:30
    Lunedì e Mercoledì, dalle 15:30 alle 16:30 (solo da settembre a maggio)

    Apertura della segreteria ai docenti
    Lunedì - Mercoledì - Venerdì dalle ore 11:30 alle ore 12:30

Ulteriori informazioni

Il Dirigente scolastico riceve solo su appuntamento.

Curriculum e retribuzione del Dirigente Scolastico: il curriculum è redatto in conformità al vigente modello europeo.
I nominativi, i curricula e le retribuzioni dei dirigenti e dei titolari di posizioni organizzative nella Pubblica Amministrazione, sono presenti anche sul sito del MIUR nella pagina Trasparenza (con accesso diretto ai dati pubblicati).

Curriculum DS

Norma di riferimento
D. Lgs. 33/2013.
Art. 10 - Programma triennale per la trasparenza e l'integrità. 8 - Ogni amministrazione ha l'obbligo di pubblicare sul proprio sito istituzionale nella sezione: «Amministrazione trasparente».
d) i curricula e i compensi dei soggetti di cui all'articolo 15, comma 1, nonche' i curricula dei titolari di posizioni organizzative, redatti in conformita' al vigente modello europeo.
Art. 15 - Obblighi di pubblicazione concernenti i titolari di incarichi dirigenziali e di collaborazione o consulenza.
1 - Fermi restando gli obblighi di comunicazione di cui all'articolo 17, comma 22, della legge 15 maggio 1997, n. 127, le pubbliche amministrazioni pubblicano e aggiornano le seguenti informazioni relative ai titolari di incarichi amministrativi di vertice e di incarichi dirigenziali, a qualsiasi titolo conferiti, nonche' di collaborazione o consulenza:
a) gli estremi dell'atto di conferimento dell'incarico;
b) il curriculum vitae;
c) i dati relativi allo svolgimento di incarichi o la titolarita' di cariche in enti di diritto privato regolati o finanziati dalla pubblica amministrazione o lo svolgimento di attivita' professionali;
d) i compensi, comunque denominati, relativi al rapporto di lavoro, di consulenza o di collaborazione, con specifica evidenza delle eventuali componenti variabili o legate alla valutazione del risultato.
2 - La pubblicazione degli estremi degli atti di conferimento di incarichi dirigenziali a soggetti estranei alla pubblica amministrazione, di collaborazione o di consulenza a soggetti esterni a qualsiasi titolo per i quali e' previsto un compenso, completi di indicazione dei soggetti percettori, della ragione dell'incarico e dell'ammontare erogato, nonche' la comunicazione alla Presidenza del Consiglio dei Ministri - Dipartimento della funzione pubblica dei relativi dati ai sensi dell'articolo 53, comma 14, secondo periodo, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165 e successive modificazioni, sono condizioni per l'acquisizione dell'efficacia dell'atto e per la liquidazione dei relativi compensi. Le amministrazioni pubblicano e mantengono aggiornati sui rispettivi siti istituzionali gli elenchi dei propri consulenti indicando l'oggetto, la durata e il compenso dell'incarico. Il Dipartimento della funzione pubblica consente la consultazione, anche per nominativo, dei dati di cui al presente comma.
5 - Le pubbliche amministrazioni pubblicano e mantengono aggiornato l'elenco delle posizioni dirigenziali, integrato dai relativi titoli e curricula, attribuite a persone, anche esterne alle pubbliche amministrazioni, individuate discrezionalmente dall'organo di indirizzo politico senza procedure pubbliche di selezione, di cui all'articolo 1, commi 39 e 40, della legge 6 novembre 2012, n. 190.